Ti trovi qui
Home > Cronaca > Catania, i vigili del fuoco proclamano lo stato di agitazione

Catania, i vigili del fuoco proclamano lo stato di agitazione

CATANIA

Grave è la situazione in cui versano le sedi di servizio dei vigili del fuoco di Catania e provincia. Le stesse hanno proclamato e mantenuto aperto lo stato di agitazione fin quando le problematiche logistiche non verranno risolte in tempi celeri per il bene dei lavoratori etnei.

Tutte le sedi hanno necessità di manutenzione, ma alcune di loro potrebbero essere temporaneamente chiuse con relativo spostamento di uomini e mezzi in altra sede, creando ovviamente, disagi alla cittadinanza, in quanto i tempi del soccorso potrebbero allungarsi. Le criticità più evidenti si hanno al distaccamento aeroportuale di Catania Fontarossa-Vincenzo Bellini, di proprietà della Sac dal 2007, dove si ha una situazione igienico-sanitaria precaria, pertanto si è chiesto al comando di sollecitare con estrema urgenza i vertici aeroportuali per l’inizio dei lavori di ammodernamento.

La sede centrale, ubicata in via Cesare Beccaria e di proprietà della città Metropolitana-ex Provincia, da anni non ha un reale programma di manutenzione, paradossalmente i vigili del fuoco a breve dovranno fare servizio all’interno della sede con l’elmetto in dotazione, causa caduta di intonaci. Mentre, per il distaccamento Nord (San Giovanni Galermo) l’avvio del servizio mensa, la risoluzione delle problematiche strutturali, l’istallazione degli impianti idrici e carburanti per i mezzi di soccorso.

Per la sede Sud (zona industriale) andrebbe trovata con urgenza una nuova ubicazione per via delle numerose problematiche divenute ormai famose nel corso di questi anni. Per tutte queste motivazioni le OO.SS. preannunciano che in tempi brevissimi verranno intraprese iniziative di lotta forte, oltre ad adire al prefetto di Catania per finire con lo sciopero provinciale nel caso in cui non si dovessero avere risposte concrete.

Articoli Consigliati

Top