Ti trovi qui
Home > Apertura > Aggredisce due poliziotti, processo per direttissima – IN AGGIORNAMENTO

Aggredisce due poliziotti, processo per direttissima – IN AGGIORNAMENTO

PALERMO

Si sta svolgendo in queste ore il processo per direttissima per Yao Mose Gbogbo, il Ghanese di 41 anni, che sabato sera, a Palermo, ha aggredito due poliziotti.

L’uomo stava tentando di forzare la porta di un appartamento sito in via Oreto 271, ma aveva fatto troppo rumore, tanto che una vicina di casa dei proprietari dell’appartamento che era in procinto di essere derubato, si era accorta di tutto e aveva lanciato l’allarme. Sul luogo si erano prontamente recati sia i padroni della casa “violata”, sia le forze dell’ordine. Vistosi scoperto, il malvivente, non si era arreso alle forze dell’ordine.

Numerosi i testimoni alla vicenda, che ha svegliato un intero rione. Abbiamo raccolto la testimonianza di un abitante della zona, che oltre a raccontarci l’accaduto ha aggiunto alla vicenda importanti particolari: «Abito alle spalle di via Oreto, – racconta Roberto G. – Alle 22.30 stavo uscendo con degli amici, ma la zona era inibita da transenne. C’erano diverse volanti della polizia sul luogo e parecchie persone affacciate ai balconi. Mi sono avvicinato e ho visto due poliziotti, un uomo e una donna, che erano stati aggrediti. Da quanto ho appreso, da persone che erano presenti al momento dell’aggressione, un ghanese ha colpito con una spranga i due agenti, mentre altri uomini, a quanto sembra anch’essi Ghanesi, cercavano di bloccarne l’azione e facilitare la fuga.  In zona – spiega Roberto – c’è il centro di accoglienza di Biagio Conte, per questo motivo c’è un’elevata presenza di extracomunitari».

Yao Mose Gbogbo dovrà rispondere oggi davanti al giudice di violenza, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e tentativo di furto.

di Michele Sardo

Articoli Consigliati

Top