Ti trovi qui
Home > Cronaca > Una notifica sbagliata “assolve” l’ex assessore comunale Alfredo Foti

Una notifica sbagliata “assolve” l’ex assessore comunale Alfredo Foti

SIRACUSA

Un errore della Procura fa partire quest’estate un’indagine sull’ex assessore comunale ai lavori pubblici Alfredo Foti.  L’avviso di garanzia era partito perché secondo la Procura Giovanni Cafeo, ex capo di gabinetto del sindaco Garozzo, e Foti, “avrebbero turbato” la gara per l’affidamento gestione degli asili nido nel comune di Siracusa, in modo da determinare l’esito delle procedure, dunque avrebbero determinato collusioni per l’assegnazione di un lotto dell’appalto al consorzio Solco. Ma l’errore consiste nell’omonimia, ovvero il cugino dell’assessore Alfredo Foti (che porta lo stesso nome) è al contempo presidente dell’Eden che gestisce in città due asili.

Dunque, il sostituto  procuratore, Marco Di Mauro, ha chiesto l’archiviazione per la posizione giudiziaria dell’ex assessore al quale il 15 giugno era stato notificato un avviso di garanzia. Ha cosi accolto la richiesta dell’avvocato Bruno Leone, che ha precisato  nella sua difesa come si fosse trattato di uno sbaglio di persona. Alfredo Foti, dopo l’avviso di garanzia, rassegnò le proprie dimissioni per evitare “qualsiasi strumentalizzazione” in un momento in cui la politica aretusea si è arricchita di querele e veleni sul “Sistema Siracusa”.

Mentre non è cambiata la posizione per l’ex capo di gabinetto Giovanni Cafeo che è  indagato per traffico di influenze illecite, per avere sfruttato le proprie relazioni col sindaco Giancarlo Garozzo e col dirigente dei servizi sociali Rosario Pisana, per ottenere sia una percentuale in denaro sia l’assunzione di persone da lui indicate. Alle indagini sono stati delegati carabinieri della Procura diretta dal luogotenente, Domenico Di Somma, che quest’estate ha seguito di querele hanno analizzato e indagato su tutte le posizioni nell’acquisizione agli atti e di una registrazione in cui il consigliere comunale Roberto Di Mauro confidava, alla sua Simona Princiotta, quella che considerava la metodologia riguardante l’assegnamento del servizio degli asili nido del comune aretuseo.

di Eleonora Zuppardi

 

Articoli Consigliati

Top