Ti trovi qui
Home > Apertura > Zona grigia del turismo, falsi albergatori ed evasione fiscale

Zona grigia del turismo, falsi albergatori ed evasione fiscale

CATANIA

In Sicilia sono circa cinquemila le strutture ricettive non autorizzate. Questo dato ne tira in ballo subito un altro: cinquantamila le camere gestite in nero. Un sommerso che fa tremare gli albergatori in regola, costretti a combattere una concorrenza sleale.

E proprio oggi, a Catania, dieci strutture sono finite nel calderone dei controlli.

Hanno accolto diciassettemila persone nei loro Bed&Breakfast e Case Vacanze ma una parte erano irregolari e tre totalmente abusivi. I turisti chiaramente non potevano immaginare che il posto in cui stavano alloggiando non aveva alcuna autorizzazione e dunque non spuntava nel portale dell’ufficio del Turismo del Comune.

Catania, Acireale, Nicolosi un viaggio nella zona grigia del turismo alla scoperta dei “furbacchioni”. Sono stati passati al setaccio i registri di tutti i pernottamenti degli ultimi sei mesi per scoprire che c’è stata un’evasione fiscale di quasi duecentomila euro.

Sette le persone denunciate. Si va a caccia di guadagni “facili” sulle imposte di soggiorno. In sostanza il “giochetto” che molti fanno è quello di non comunicare alla Questura i nominativi dei clienti alloggiati ma adesso i sette dovranno giustificare le dichiarazioni mendaci. A effettuare i controlli sono stati i finanzieri del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania. Non è il primo caso e non sarà neanche l’ultimo.

Solo a marzo altre 17 strutture sono finte nella rete dei controlli, tutte completamente abusive. Su Booking, Expedia, Trivago, Tripadvisor, Airbnb a Catania spuntano circa 575 offerte e di queste più o meno 300, compresa la provincia, sono regolari, il resto no. Tuffiamoci, dunque, dentro il dato ed è un mondo di abusivismo e irregolarità che troviamo. Federalberghi  nella provincia etnea conta solo 13 mila posti letto autorizzati.

«In realtà il problema è ben più ampio – dichiara Grazia Romano, presidente Giovani Federalberghi Catania – Spesso ci son strutture che risultano autorizzate come B&B e dunque possono avere massimo 5 stanze e invece all’interno ne trovi anche dieci. Sono loro la vera piaga perché è difficilissimo individuarle. Creano una concorrenza spietata a noi albergatori durante la bassa stagione perché paradossalmente in questi periodi dell’anno io sono costretta a ridurre le tariffe perché si dimezza l’offerta e mio competitor diventa anche un semplice B&B. L’unica differenza – incalza la Romano – è che io metto a repentaglio la sopravvivenza della mia azienda e dunque di tutti i miei dipendenti che sono molti di più di un Bed&Breakfast».

Centinaia, dunque, le attività fuori controllo che operano nei normali circuiti turistici e da una parte c’è chi non paga la tassa di soggiorno e dall’altra chi richiede il pagamento direttamente in contanti. «Ho segnalato alla città metropolitana di Palermo, ex provincia, un albergo in pieno centro non autorizzato – afferma l’imprenditore turistico Salvo Zappalà – Mi hanno risposto che non possono agire. Ecco il paradosso: rilasciano le autorizzazioni ma se trovano un abusivo non possono agire e mi hanno detto di rivolgermi ai vigili urbani. Assurdo».

Articoli Consigliati

Top