Ti trovi qui
Home > Cronaca > La Coge Impianti di Gela acquisirà la Comes: sollievo per gli ex lavoratori

La Coge Impianti di Gela acquisirà la Comes: sollievo per gli ex lavoratori

SIRACUSA

L’azienda Coge Impianti di Gela ha mostrato oggi in Confindustria l’intenzione di rilevare la Comes Sicilia. . Dunque novità positive  per gli ex lavoratori Comes. Fino a qualche giorno addietro, gli oltre 150 operai metalmeccanici scioperavano giorno e notte, licenziati di recente perché il titolare – a detta sua – non riusciva a coprire i costi del personale. Quello di stamane è stato un accordo preliminare, a  firmarlo  i titolari dell’azienda gelese  (pronta a rilevarne le quote) e l’attuale amministratore unico dell’impresa aretusea, che ha cessato l’attività tre settimane fa, periodo in cui ha portato la documentazione al tribunale fallimentare. L’incontro di oggi è durato circa tre ore dove oltre  ai sindacati   ha partecipato l’avvocato Francesco Minnella, legale rappresentate della cordata di imprenditori gelesi. L’accordo per i nuovi acquirenti è quello di acquistare  a titolo gratuito la Comes, sobbarcandosi di tutti i debiti dell’azienda siracusana. A giorni si attende il nuovo piano industriale, dove e come saranno  ricollocati i lavoratori – che in attesa di buone notizie – hanno aperto da giorni la cassa integrazione. Per una ventina di loro è previsto il prepensionamento. Altri continueranno a lavorare nel territorio aretuseo, mentre una minima parte forse sarà dirottata in altre città italiane. Intanto però gli ex lavoratori possono tirare un sospiro di sollievo, cosi come le aziende della zona industriale di Priolo Gargallo perché i blocchi sono stati rimossi. I nodi che ancora restano relativi alla nuova proprietà sono quelli dettati dai tempi per l’avvio della seconda fase e per l’illustrazione del piano industriale.
Dunque si è aperta una fase nuova per l’ex Comes, e al contempo rappresenta la vittoria dei lavoratori e dei sindacati che unitariamente hanno tutelato le loro esigenze.

di Eleonora Zuppardi

 

 

 

 

di Eleonora Zuppardi

Articoli Consigliati

Top