Ti trovi qui
Home > Cultura > Paul Beatty, il primo americano vincitore del Man Booker Prize

Paul Beatty, il primo americano vincitore del Man Booker Prize

Paul Beatty è il primo scrittore americano a vincere il Man Booker Prize, prestigioso premio letterario britannico.

Il riconoscimento va a Beatty per il suo romanzo satirico The Sellout tradotto in Italia con il titolo Lo schiavista, incentrato sul difficile rapporto delle relazioni razziali e di classe negli Stati Uniti, una satira feroce e estremamente intuitiva della società statunitense.

Paul Beatty vince il MAN BOOKER PRIZE con 'Lo schiavista'

La presidentessa di giuria del Man Book Prize, Amanda Foreman, ha definito ‘The Sellout’ “un romanzo per i nostri tempi «Il suo umorismo cela una serieta’ radicale. La sua analisi raggiunge il centro della società americana contemporanea con feroce umorismo e un’ironia tagliente che si può trovare nelle opere di Jonathan Swift o Mark Twain».

Paul Beatty, è nato a Los Angeles nel 1962 e ha cominciato dedicandosi alla poesia. Ha studiato Scrittura creativa al Brooklyn College e Psicologia alla Boston University., oggi vive a New York. Oltre a The Sellout Paul, ha scritto altri due romanzi e nel 2006 ha curato una collezione di scritti umoristici afroamericani dal titolo Hokum.

Il protagonista del libro Lo Schiavista è Bonbon, nato a Dickens, ghetto alla periferia di Los Angeles, rassegnato al destino infame di un nero della lower-middle-class. Bonbon si lancerà nella più oltraggiosa delle azioni concepibili: ripristinare la schiavitù e la segregazione razziale nel ghetto, idea grazie alla quale finisce davanti alla Corte Suprema.

A novembre Paul Beatty sarà in Italia alla Triennale di Milano, in occasione di BookCity.

Articoli Consigliati

Top