Ti trovi qui
Home > Cronaca > Infrastrutture, sulla Ragusa – Catania arriva il benestare del Ministero

Infrastrutture, sulla Ragusa – Catania arriva il benestare del Ministero

RAGUSA

La realizzazione della Ragusa-Catania, dal 30 agosto scorso, è stata affidata pienamente al concessionario che è diventato a tutti gli effetti il titolare della gestione dell’infrastruttura. É stato chiarito, una volta per tutte, nella mattinata di oggi dai componenti del comitato ristretto Salvo Ingallinera, Roberto Sica e l’on. Sebastiano Gurrieri, che hanno presentato un atto ufficiale, il decreto registrato dalla Corte dei Conti in cui, oltre alle firme dei due ministri delle Infrastrutture e dei trasporti e dell’Economia e finanze, sono sottolineati tutti i passaggi consumatisi nell’arco degli ultimi dodici anni. Il concessionario sarà chiamato, adesso, a redigere il progetto definitivo e a trasmettere lo stesso ai soggetti interessati. «Questa mattina, inoltre – hanno messo in luce i tre componenti del comitato – abbiamo avuto conferma sul fatto che la procedura, per volontà governativa, è stata semplificata. Quindi, non ci sarà un passaggio al Cipe, che avrebbe determinato ulteriori ritardi, ma piuttosto si potrà procedere subito con la convocazione della conferenza dei servizi». Quest’ultima sarà convocata non appena tutti gli enti interessati avranno risposto alle sollecitazioni del concessionario che ha il compito di trasmettere il progetto definitivo. Dalla conferenza dei servizi si arriverà alla redazione del progetto esecutivo e quindi anche all’attivazione dei cantieri. I tempi, è stato spiegato, sono abbastanza celeri, in quanto tutti i passaggi sono cristallizzati dalla procedura. «É bene chiarire – hanno aggiunto ancora i componenti del comitato – che non si può tornare indietro e naturalmente i tredici, quattordici anni di attesa, da quando ci siamo cominciati ad interessare di questa vicenda ad oggi, hanno prodotto dei risultati. Siamo assolutamente fiduciosi sul fatto che si arrivi all’apertura dei cantieri e quindi anche alla realizzazione dell’infrastruttura».

sica-on-gurrieri-ingallinera

Ma a quanto ammonta il finanziamento dell’infrastruttura? Sono a disposizione: 149,207 milioni di euro che fanno riferimento a due leggi nazionali in capo all’Anas; 217,712 milioni di euro che fanno riferimento a fondi europei. I fondi pubblici ammontano, quindi, a 336,919 milioni di euro. I fondi privati messi a disposizione dal concessionario sono 448,456 milioni di euro. Il totale è pari a 815,375 milioni di euro. La concessione avrà la durata di 39 anni e cinque mesi.

di Michele Farinaccio

Articoli Consigliati

Top