Ti trovi qui
Home > Attualità > Vaticano: cremazione ok ma con distinguo

Vaticano: cremazione ok ma con distinguo

La cremazione di un defunto non è vietata dalla Chiesa. A confermarlo è la Congregazione per la Dottrina della Fede in una Istruzione che ha ricevuto il placet di Papa Francesco. Se non è fatta per una scelta di contrarietà alla fede, la cremazione può essere eseguita ma la pratica deve avvenire dopo la celebrazione delle esequie

Nel documento si legge che la cremazione del cadavere non tocca l’anima e non impedisce quindi all’onnipotenza divina di resuscitare il corpo. Ciò fa si che non ci sia oggettiva negazione da parte della dottrina cristiana. Tuttavia la scelta della pratica non deve contrariare la volontà del fedele defunto. Nel testo si precisa che “la Chiesa continua a preferire la sepoltura dei corpi poiché con essa si mostra una maggiore stima verso i defunti”.

In ogni caso il Vaticano non vieta la la cremazione a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla dottrina cristiana. Pertanto nel documento si afferma la negazione della dispersione delle ceneri nell’aria, in terra o in acqua e si ribadisce che in ogni caso le ceneri del defunto devono essere conservate di regola in un luogo sacro, cioè nei cimiteri, vietando la collocazione nell’abitazione domestica o in oggetti differenti dall’urna, come in pezzi di gioielleria, tenendo presente che per tali modi di procedere non possono essere addotte le ragioni igieniche, sociali o economiche che motivano la scelta della cremazione.

Articoli Consigliati

Top