Ti trovi qui
Home > Cronaca > Migrante in bicicletta ucciso da un suv: alla guida una dottoressa

Migrante in bicicletta ucciso da un suv: alla guida una dottoressa

CATANIA

Grammichele. Era in sella alla sua bici, lungo la strada statale ss417 Catania-Gela, quando un suv Hunday i35 lo ha travolto uccidendolo. Il suo nome era Ebrahima Fatih, 34 anni. L’auto, guidata da una giovane dottoressa catanese, viaggiava in direzione Gela.

E’ accaduto ieri sera, intorno alle 19:30, al km 28 della ss 417, nei pressi dello svincolo Cara di Mineo. Il migrante era ospite del residence degli aranci. Secondo una prima ricostruzione, la vittima, si sarebbe scontrata con il suv guidato da una  dottoressa  che stava andando a prendere servizio all’ospedale di Gela.

Dalle testimonianze raccolte sul posto, il giovane migrante viaggiava forse sul bordo esterno della banchina e senza alcun indumento stradale notturno che permettesse di individuarlo. Sul posto i carabinieri della compagnia di Palagonia, a cui spetterà far piena luce sulla dinamica del sinistro, i vigili del fuoco del distaccamento di Caltagirone e un ambulanza del 118.

Articoli Consigliati

Top