Ti trovi qui
Home > Cronaca > C’è anche un salone di bellezza. Il groviglio di imbrogli di Sammaritano

C’è anche un salone di bellezza. Il groviglio di imbrogli di Sammaritano

PALERMO

C’è anche un parrucchiere per donna fra i beni sequestrati all’imprenditore palermitano Angelo Sammaritano, 69 anni. E oltre ad esso anche un appartamento e un’auto. Il tutto per un totale di 400 mila euro.

Il blitz della polizia è scattato questa mattina su richiesta della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo. Non un perfetto conosciuto alle forze di polizia; Sammartino, infatti, «è un soggetto incline a delinquere, propensione sistematica che ha manifestato sin dalla giovane età e che ha contraddistinto il suo percorso esistenziale fin dal 1964» fanno sapere dalla Questura.

Sono numerosi i precendenti penali a suo carico, soprattutto per i reati di natura finanziaria e contro il patrimonio. Lui è stato già sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno dal 2002 al 2012, dopo che è stato in carcere per ingiuria, lesioni personali, rapina in concorso e sequestro di persona.

«Da ultimo – affermano gli inquirenti – a marzo Sammaritano è stato arrestato per furto aggravato in concorso e sottoposto all’obbligo di dimora a Palermo: nel provvedimento veniva espresso un rinnovato giudizio di pericolosità nei suoi confronti». Poi anche l’accertamento patrimoniale che ha dimostrato l’enorme divario fra i redditi dichiarati e quelli posseduti. Secondo quanto faceva credere lui, infatti, i soldi non bastavano neanche per mantenere la propria famiglia e neanche per acquistare un appartamento in via Malspina a Palermo. Men che meno per avviare il negozio di parrucchiere di via Vito la Mantia gestito della figlia della convivente di Sammaritano.

Insomma un groviglio di imbrogli che oggi è venuto alla luce.

Articoli Consigliati

Top