Ti trovi qui
Home > Italia > Oppresso dai debiti uccide la moglie a martellate e poi si impicca

Oppresso dai debiti uccide la moglie a martellate e poi si impicca

TORINO
Ha ucciso la moglie a martellate, poi si è impiccato. A ritrovare i corpi senza vita, il figlio della coppia.
Questa mattina all’alba, è stato trovato in un appartamento di corso Orbassano 376, nel quartiere Mirafiori, alla periferia sud-ovest della città e nei pressi dello stabilimento Fiat Mirafiori, il corpo di Natalina Montanaro, 72 anni, uccisa a martellate. A compiere il delitto è stato il marito, Francesco Tonda, di 69 anni, che dopo averla ammazzata è sceso nella cantina del palazzo dove abitavano e si è impiccato.
L’uomo, prima di togliersi la vita, ha scritto un biglietto che ha permesso al figlio di trovare i due corpi, in cui spiegava anche i motivi del folle gesto. Sembra, secondo i primi accertamenti della polizia, che l’uomo fosse assediato da debiti sempre più pesanti di cui la moglie era all’oscuro: sarebbe questo il movente dell’omicidio-suicidio.

Articoli Consigliati

Top