Ti trovi qui
Home > Spettacolo > Nobel cerca Dylan ma Bob non risponde

Nobel cerca Dylan ma Bob non risponde

Dove è finito Bob Dylan? A chiederselo è l’Accademia svedese che, dopo avergli attribuito l’ambito premio Nobel per la letteratura, nonostante i molteplici tentativi non ha ricevuto sue notizie.

Sara Danius, segretaria dell’Accademia, parlando in una radio nazionale, ha affermato di aver rintracciato il manager e i collaboratori più stretti del cantautore americano e di aver ricevuto da loro risposte cordiali, ma da Dylan nessun segno. La Darius ha inoltre aggiunto che l’Accademia non fare più alcuna mossa, il 10 dicembre come previsto ci sarà la cerimonia di consegna dei Nobel, lei si dice fiduciosa e dice che Bob arriverà.

Il fatto in se non è poi così sorprendente, c’era da aspettarselo dal “Menestrello” del resto è sempre stato un tipo schivo e riservato. Dopo l’assegnazione del Nobel, quel che si sa, è che ha tenuto tre concerti, Las Vegas, California e Phoenix, ma pare che in nessuno abbia accennato qualcosa sul premio. Nei giorni scorsi però c’è stato un barlume, un segnale. Il sito ufficiale di Dylan ha promosso una raccolta dei suoi testi  definendola”scritti dal vincitore del premio Nobel per la letterature”. Il gesto ha lasciato sperare che Bob avesse finalmente accettato, ma dopo solo poche ore il post è sparito dal sito, rimarcando così l’indifferenza dell’artista.

Eppure da quando gli è stato attribuito il riconoscimento, i suoi brani su Spotify hanno superato i 700 milioni di ascolti, primo fra tutti Like a Rolling Stone. Anche il presidente Barak Obama ha dedicato un tweet a Dylan definendolo uno dei suoi poeti preferiti e congratulandosi con lui per aver riportato il Nobel in America dopo 23 anni.

Chissà se alla cerimonia di consegne Bob lascerà il re Carlo XVI Gustavo di Svezia solo con il Nobel tra le mani, sembra infatti che tra gli amici dell’artista si mormora che lui non ringrazierà mai l’Accademia. E mentre Bob si da latitante, gli altri scrittori candidati come Murakami, DeLillo, Adonis e Roth, che attendono da anni l’ambito riconoscimento, non se lo sarebbero di certo fatto scappare, anzi, lo avrebbero ben stretto tra le grinfie !

 

 

 

Articoli Consigliati

Top