Ti trovi qui
Home > Altri Sport > Basket, Ragusa e Trapani chiamate al riscatto. L’Orlandina cerca continuità

Basket, Ragusa e Trapani chiamate al riscatto. L’Orlandina cerca continuità

Dopo la fondamentale vittoria su Torino, l’Orlandina deve fare ancora una volta i conti con la situazione degli infortunati. Berzins, costretto ad uscire alla fine del terzo quarto dell’ultima partita, è stato sottoposto agli esami strumentali del caso, che hanno evidenziato una lesione parziale del legamento crociato. Per il giocatore lettone, sarà necessario un intervento chirurgico entro la fine del mese, ed è previsto un lungo stop. Per adesso la società non sembra aver intenzione di intervenire sul mercato e intanto, la squadra riprende gli allenamenti in un clima più disteso. La prossima partita si giocherà domenica alle 18.15 contro Trento (secondo in classifica): vincere la seconda partita consecutiva potrebbe segnare la definita svolta in campionato.

In A2 tira una cattiva aria in casa Trapani. Il brutto stop casalingo contro Legnano ha messo in crisi tutto l’ambiente, nonostante la società abbia respinto le dimissioni di coach Ducarello. La medicina migliore per uscire da momenti come questi è la vittoria e domenica, in casa del fanalino di coda Monferrato, il successo è l’unico risultato possibile.

Anche Agrigento, che giocherà come sempre Domenica alle ore 18, deve necessariamente ritrovare la sicurezza e la solidità di inizio campionato. L’avversario è Latina che, dopo un inizio poco convincente, ha trovato i primi punti in stagione la settimana scorsa a Scafati.

Per quanto riguarda la pallacanestro femminile, in A1 Ragusa deve riprendersi subito dalla cattiva prestazione in casa di Venezia. Bisogna ritrovare il cuore e soprattutto la testa, qualità che sono venute meno nell’ultimo match. Domenica arriverà al PalaMinardi un’altra formazione importante come Lucca, che finora ha totalizzato gli stessi punti della Virtus Eirene, ma proviene dall’ottima vittoria su Torino.

Ritornando alla B maschile, il coach Milan Nisic suona la carica al Barcellona, che ha perso la seconda partita su due in casa. Parole molto forti e determinate, volte a rimproverare i giocatori che hanno offerto una prestazione poco attenta davanti ai propri tifosi. L’errore di giocare le partite individualmente non deve essere ripetuto per nessun motivo, e la prestazione corale è la chiave per vincere la prossima gara a Cassino.

Il terremoto che ha scosso tutto l’ambiente di Cefalù, dovuto alle dimissioni improvvise del coach Nardone, non deve distrarre oltremodo la squadra dal prossimo impegno: in trasferta, contro la Vis Roma, si giocherà quello che potrebbe essere a tutti gli effetti un fondamentale crocevia per il proseguo del campionato e per il futuro dello stesso Cefalù.

Di M.Cocuzza

Articoli Consigliati

Top