Ti trovi qui
Home > Cronaca > Gela, spari contro i forni. Si teme “guerra del pane”

Gela, spari contro i forni. Si teme “guerra del pane”

CALTANISSETTA

Due episodi uno dopo l’altro. Spari contro le saracinesche di due panifici di Gela. Si teme la guerra per il prezzo del pane.

Gela. C’è paura a Gela, si teme un ritorno della “guerra del pane”. Nella notte, quattro colpi di pistola sono stati esplosi contro la saracinesca del panificio “Ventura”, in corso Salvatore Aldisio. Si respira un’aria pesante. Avvertimenti e intimidazioni uno dopo l’altro; si è aperto il fuoco in città. I buchi all’ingresso di quel negozio, si vedono a poche ore di distanza da un altro episodio. Nella notte fra mercoledì e giovedì un altro forno nel mirino.

In questo caso sono stati tre i colpi di pistola sparati contro l’esercizio commerciale “L’Arte del Pane”, nel quartiere Settefarine. Polizia e carabinieri stanno seguendo le indagini, si lavora a ritmo incalzante anche perché i magistrati non escludono che fra i due episodi ci siano stretti collegamenti. Ma ciò che si teme di più è che si stia per aprire una nuova “guerra per il prezzo del pane”, come quella vissuta nel 2012 quando c’era un botta e risposta continuo a suon di pistolettate per impedire ribassi eccessivi.

Quell’anno le intimidazioni colpirono anche il più grosso panificio di Gela, il cui titolare Gaetano Marinetti dichiarò ai carabinieri di non aver mai ricevuto minacce. Eppure lì, in via Tartini, nella notte fra l’8 e il 9 ottobre qualcuno sparò contro la sua saracinesca. Un possibile avvertimento dopo lo scontro professionale con i suoi colleghi fornai sul prezzo del pane e che lo indusse a dimettersi dalla carica di presidente dei panificatore della Confartigianato di Gela. Non andava giù ad alcuni di loro quella vendita del pane a 1 euro al chilo.

Per abbattere la concorrenza, infatti, in alcuni panifici si vendeva il pane ad un euro al chilo invece che 2 euro e 50. Un gioco al ribasso che ha fatto entrare in tribolazione qualcuno angosciato dalla possibilità di chiudere l’attività.

Articoli Consigliati

Top