Ti trovi qui
Home > Cronaca > In possesso di candelotti esplosivi. Daspo di 5 anni per ultrà del Messina

In possesso di candelotti esplosivi. Daspo di 5 anni per ultrà del Messina

Il giovane ha tentato di entrare allo Stadio Massimino con due candelotti dal micidiale potenziale esplosivo

CATANIA

Pena severissima per un tifoso del Messina, fermato domenica scorsa al Massimino in occasione del derby Catania – Messina perché trovato in possesso di due candelotti esplosivi nascosti negli abiti. Il questore di Catania Marcello Cardona ha emesso nei suoi confronti un pesante provvedimento di DASPO della durata di cinque anni, mentre il Tribunale di Catania lo ha condannato a una pena di quattro mesi. La sanzione terrà lontano il giovane non solo dai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive, ma anche da stazioni ferroviarie, posteggi e qualunque altro contesto in cui – per circostanze contingenti – possa entrare in contatto con altri tifosi. Al fermato è stato inoltre imposto l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria negli orari coincidenti con gli incontri di calcio.

I due candelotti di cui era in possesso presentavano un potenziale esplosivo micidiale rapportabile alla IV categoria, una tipologia di esplosivo ad uso professionale. Da circa dieci anni le due tifoserie di Catania e Messina non si incontravano e, vista l’accesa rivalità, il questore Marcello Cardona aveva disposto, per il pomeriggio dello scorso 9 ottobre, un accurato dispositivo di controllo, coordinando anche le altre Forze di polizia. Allo scopo di garantire il sereno svolgimento dell’incontro di calcio.

Articoli Consigliati

Top