Ti trovi qui
Home > Cronaca > Tentata rapina a Sferracavallo, finiti in manette due giovani palermitani

Tentata rapina a Sferracavallo, finiti in manette due giovani palermitani

PALERMO

Sferracavallo. Tentarono di rapinare l’ufficio postale di Sferracavallo nell’ottobre del 2015, uno dei malviventi indossava una maschera raffigurante un teschio. Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato due giovani palermitani ritenuti responsabili di una tentata rapina ai danni dell’ufficio postale nel Palermitano.  Antonio La Rosa, di 22 anni, e Massimo Di Gloria, di 20 anni sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip presso il Tribunale di Palermo. I fatti, infatti, risalgono al 16 ottobre dello scorso anno quando i tre rapinatori con il volto coperto, di cui uno armato di fucile da caccia, entrarono nell’ufficio postale. Il malvivente che indossava una maschera di carnevale, raffigurante un teschio, con una grossa mazza di ferro tentò di scardinare le griglie poste sopra il vetro blindato delle casse. Non riuscendo nell’intento, i tre si diedero alla fuga.

Le indagini, condotte dalla polizia anche con l’ausilio di intercettazioni telefoniche e ambientali, hanno portato alla identificazione di due dei rapinatori: Di Gloria, che impugnava la mazza, e La Rosa, che impugnava il fucile da caccia. Inoltre, nei confronti di entrambi sussistono gravi indizi di colpevolezza per il reato di ricettazione in concorso relativo a due moto, risultate rubate, utilizzate per darsi alla fuga. Ma non solo, infatti, dovranno rispondere anche di ricettazione e porto in luogo pubblico del fucile da caccia utilizzato ed abbandonato durante la fuga, risultato anche questo rubato. Nell’ambito della stessa attività investigativa, altri due indagati sono stati denunciati per concorso nella rapina. Gli arrestati sono stati condotti nel carcere Pagliarelli di Palermo.
La Rosa, lo scorso 26 luglio, era stato sottoposto a fermo di polizia perchè insieme ad un 17enne si era reso responsabile di una rapina ai danni dell’ufficio postale di Mondello.

Articoli Consigliati

Top