Ti trovi qui
Home > Cronaca > Emergenza Pronto soccorso. Non è solo una questione di sicurezza

Emergenza Pronto soccorso. Non è solo una questione di sicurezza

CATANIA

Aumentano i casi di aggressioni nei Pronto soccorso. L’ultima ieri, al Vittorio Emanuele, che va da aggiungersi agli episodi già denunciati, delle settimane scorse.
Per questo motivo, è confermato l’incontro questa mattina tra il personale medico del Presidio ospedaliero e le Forze dell’Ordine (prevista anche la presenza del Questore di Catania, Marcello Cardona), per cercare di fare il punto della situazione sullo stato di emergenza.
Stato che non si semplifica con l’aumento di personale di sicurezza, ma adottando anche dei sistemi di filtraggio che limitino gli accessi arbitrari nei reparti dei pazienti e dei perenti degli assistiti che, in alcune circostanze, complicano e rallentano lo svolgimento delle pratiche.
«Così come adottato nelle banche – spiega la Manuela Recca dalla Questura di Catania – con le porte di sicurezza, altrettanto andrebbero valutate soluzioni di questo tipo. Non si pensi che la calma nei Pronto soccorso tornerà solo se vi saranno più agenti».
In effetti, non è inconsueto che chiunque possa accedere nei reparti senza limiti e controlli.
«La collaborazione con le direzioni sanitarie degli ospedali, sarà massima», precisa la dott.ssa Recca.

Articoli Consigliati

Top