Ti trovi qui
Home > Attualità > Depressione “post partum”? Può iniziare prima della gravidanza…

Depressione “post partum”? Può iniziare prima della gravidanza…

Almeno due donne su dieci soffre di depressione “post partum” e addirittura sembrerebbe iniziare «prima della gravidanza. Le radici del malessere – secondo  Franca Aceti, responsabile dell’Unità di Igiene mentale e Relazioni affettive nel post partum dell’Università Policlinico Umberto I, Università La Sapienza di Roma – sono da ricercare già durante o prima della gestazione e all’origine, nella metà dei casi, ci sono problemi familiari».

Intervenuta al convegno ospitato al policlinico romano in occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale Femminile, l’esperta precisa: «La gravidanza è sempre stata considerata un periodo “felice” ma non è così. Si parla erroneamente di depressione “post partum” mentre il termine corretto è “perinatale” perchè spesso c’è coincidenza tra la depressine durante e dopo il parto. In media colpisce il 20% delle donne e intorno al 10% i padri».

Tra i fattori di rischio, la troppo giovane età della gravidanza, la conflittualità di coppia, i problemi economici, la mancanza di rete sociale, ma anche la familiarità. «Il 50% delle mamme depresse – spiega Aceti – hanno avuto a loro volta madri depresse e c’è una grossa ricaduta sul benessere psicofisico dei figli, che vanno incontro a depressione con una prevalenza 3-4 volte superiore agli altri. Un intervento precoce è importante. Anche perchè curare il problema dopo la nascita del bimbo diventa più difficile, per mancanza di tempo, acuita anche dallo stress del parto e dalla fatica fisica dei primi mesi della maternità», sottolinea Gaetano Pannitteri, responsabile per il Policlinico Umberto I del progetto Bollino Rosa, realizzato in collaborazione con l’Osservatorio nazionale sulla Salute della Donna (Onda).

In occasione della Giornata Mondiale sulla salute mentale, infatti, il Policlinico è uno dei 140 centri italiani che hanno aderito all’H-Open Day. «Da oggi al 16 ottobre le nostre porte saranno aperte alle donne – conclude Pannitteri – per visite ed esami gratuiti dedicati ai disturbi come ansia, depressione, psicosi e problemi di sonno».

Articoli Consigliati

Top