Ti trovi qui
Home > Apertura > Catania, pazza idea. Ornella Laneri assessore al turismo?

Catania, pazza idea. Ornella Laneri assessore al turismo?

La manager catanese è una profonda conoscitrice della città e del mondo del turismo. Una scelta che, nelle intenzioni del suo ideatore, dovrebbe compensare il passaggio controverso legato alla Sac. «Sono stata mandata al massacro. Crocetta sapeva»

CATANIA

Perché Enzo Bianco ha tenuto per sé il turismo nella redistribuzione delle deleghe tra i 9 assessori? Interrogativo rimasto insoluto e in attesa di risposta. Che potrebbe arrivare da un momento all’altro secondo fonti interne al PD regionale, che puntano senza remore sul nome di Ornella Laneri. La manager del turismo in questi giorni avrebbe ricevuto una telefonata “trasversale”, fatta da un amico che le ha informalmente sussurrato l’idea. L’indubbia competenza maturata nel campo del turismo, sommata al desiderio di rammendare in qualche modo lo strappo consumato con il vertice della Regione, sarebbero le ragioni di questa intuizione. Che però la stessa Laneri, contattata da Ultima TV, non conferma.

«La politica non è il mio mondo, io sono legata ai fatti – tiene a sottolineare – Sono lusingata ma lo apprendo da voi. Oggi aspetto che qualcuno mi porga delle scuse. Sono stata mandata al massacro. Crocetta mi ha buttato nell’inferno, lui sapeva. Preferisco dare un contributo al territorio da privata».

La vicenda legata al ruolo di ad della Sac ha lasciato indubbiamente degli strascichi. «Non mi ha chiamato nessuno – ripete – Questa terra non è pronta per me. Non mi fraintenda, non voglio apparire presuntuosa ma sono dispiaciuta. Non ho accettato il ruolo in Sac per soldi, né per noia, né per ambizione. L’ho fatto solo per prestare un servizio alla mia terra. Oggi, sto bene dove sto».

Ornella Laneri, dunque, afferma di voler proseguire la sua avventura nel mondo degli alberghi, rinunciando a priori alla delega assessoriale appartenuta ad Orazio Licandro sino a qualche giorno fa. È pur vero, però, che quel posto in giunta è nelle mani di Enzo Bianco, una delega che il sindaco, in mancanza di alternative, potrebbe destinare ad un consulente esterno. Si tratterebbe di incarichi temporanei legati a singoli progetti.

 

 

Articoli Consigliati

Top