Ti trovi qui
Home > Attualità > Ravalli e Alecci, quando la disabilità non è un ostacolo… – VIDEO

Ravalli e Alecci, quando la disabilità non è un ostacolo… – VIDEO

CATANIA

Promuovere lo sport quale mezzo d’integrazione delle persone con disabilità, questo l’obiettivo della  “Giornata dello Sport” che si è svolta oggi nel reparto di Unità Spinale Unipolare dell’ospedale Cannizzaro e che ha visto un confronto aperto e uno scambio di esperienze con a centro  la testimonianza di due atleti che hanno di recente partecipato alle Paralimpiadi di Rio, Salvo Ravalli e Raimondo Alecci.


«L’attività sportiva che si svolge all’Unità Spinale – ha spiegato nei saluti il dott. Angelo Pellicanò, direttore generale dell’Azienda Cannizzaro – è fondamentale nel percorso di riabilitazione e oltretutto permette di raggiungere risultati ammirevoli. Da parte nostra, daremo ulteriore impulso in termini di qualità dell’assistenza attraverso un progetto di ristrutturazione e revisione logistica che contiamo di concludere entro poco tempo».
Lo sport è un mezzo essenziale di recupero e reinserimento e in quanto tale fa parte integrante dei programmi riabilitativi dei soggetti mielolesi. «Ma questa giornata non è soltanto un’attività rivolta ai nostri pazienti, bensì anche un modo per portare fuori di qui il messaggio che è importante praticare discipline sportive nella misura delle abilità che si possiedono», ha sottolineato la dott.ssa Maria Pia Onesta, direttore dell’Unità Spinale. In tal senso, è intervenuta l’assessore allo Sport del Comune di Catania, Valentina Scialfa: «Qui si dimostra che è possibile abbattere barriere non fisiche ma mentali: la disabilità non è un ostacolo o limite e le Paralimpiadi ne sono la dimostrazione più efficace».
E prova concreta è stata data nella Giornata dello Sport, dove sono state portate varie esperienze, fra cui quelle della Lega Navale a Catania, di “Viaggio Italia” di Danilo Ragona e Luca Paiardi, dell’automobilismo con Andrea Marchese, del rugby in carrozzina con Salvo Mirabella. E se lunedì cominceranno le attività di danza in carrozzina, si pensa anche a introdurre il tiro a segno per i disabili grazie all’apposito progetto della federazione illustrato da Francesco Zaccà.

Sono  intervenuti Giuseppe Garraffo, presidente di AUSpiCa (Associazione Unità Spinale Cannizzaro) che ha collaborato nell’organizzazione dell’evento, il presidente del Cinap dell’Università di Catania Massimo Oliveri, i rappresentanti del Comitato Italiano Paralimpico Giovanni Vanni (Tiro con l’arco), Carlo Pandolfini (Tennis tavolo), Roberta Zito (Nuoto), Claudio Pellegrino (delegato provinciale Cip). All’evento ha collaborato l’Istituto professionale alberghiero di Monte Po.
Tra la piscina, la palestra, il salone al quarto piano e il cortile, l’Unità Spinale è stata teatro, con il coordinamento della dott.ssa Elide La Scala, di prove pratiche, dimostrazioni e gare di tennis in carrozzina, basket in carrozzina, tennis-tavolo, nuoto, tiro con l’arco, handbike, danza sportiva, tiro a volo, tiro a segno, sitting volley, rugby in carrozzina, paracanoa, tchouckball.

Articoli Consigliati

Top