Ti trovi qui
Home > Spettacolo > Elsa Piperno, regina del Graham: «Nella danza c’è la vita e la morte…»

Elsa Piperno, regina del Graham: «Nella danza c’è la vita e la morte…»

Famosa per aver portato la danza contemporanea a Roma negli anni 70, Elsa Piperno ha raccontato un po’ di sé ricordando alcuni dei momenti più significativi della sua vita, durante un workshop di tecnica Graham all’interno del centro di formazione artistica Viagrande Studios. 

Tutta la danza italiana in una sola storia. Elsa, pioniera della danza contemporanea in Italia, ha amato la danza sin da bambina, quando non sapeva ancora che la sua sarebbe stata una carriera artistica portentosa. Nata in Somalia, ha appreso i colori e l’armonia della terra d’Africa, che l’hanno particolarmente influenzata. «Il mio grande amore per la danza è nato a Mogadiscio, la mia terra d’origine – afferma Elsa Piperno – lì ho percepito nei primi anni della mia vita la grande capacità del movimento e della danza come mezzi di comunicazione. In particolar modo un avvenimento mi ha colpito, quando avevo 3 anni, improvvisamente dopo settimane di siccità ha iniziato a piovere e in quel momento ho visto la gente danzare, nel silenzio più totale, per ringraziare la pioggia. Da quel momento ho capito che quello che desideravo di più era danzare».

Una carriera molto lunga, ricca di momenti significativi, iniziata a Roma con gli studi all’Accademia Nazionale di Danza e proseguita in Inghilterra, alla scoperta della tecnica Graham a fianco di grandi insegnanti. «Sono tanti i momenti importanti della mia vita – continua Elsa Piperno – dai miei debutti in Inghilterra al Teatro dell’Opera di Roma, dove ho festeggiato il decennale della mia compagnia teatro-danza contemporanea di Roma, e poi ce ne sono molti altri come l’incontro con Marta Crampi che ricorderò per sempre, o l’incontro con Edoardo De Filippo, che venne a vedere un mio spettacolo a mia insaputa e io molto sorpresa, fui paralizzata dall’emozione. Ricordo che mi face tanti complimenti per il mio ottimo lavoro».

Ballerina, coreografa, interprete e insegnante: Elsa Piperno nella propria vita ha affrontato ogni difficoltà e si è calata in ogni ruolo. Ha fatto danza a 360 gradi. E danzare è un lavoro di emozioni e di passione. E’ l’anima a guidare il corpo, mettendo in scena uno spettacolo magico sul palcoscenico. «La danza è molto di più di quanto si possa credere, nella danza c’è tutto. C’è la vita, la morte, le emozioni e l’intelletto, i rapporti, e tutto quello che fa parte della vita di una persona. Il corpo è veicolo di emozioni ed esperienza. Quando si balla su un palcoscenico, si porta il proprio bagaglio ed è il nostro vissuto che comunichiamo attraverso i nostri movimenti».

Articoli Consigliati

Top