Ti trovi qui
Home > Attualità > Studiosi lungo le antiche rotte siciliane, un cammino di 1000 chilometri

Studiosi lungo le antiche rotte siciliane, un cammino di 1000 chilometri

RAGUSA

L’appuntamento è per le otto di mattina di domani, 4 ottobre, alla foce del fiume Ippari a Scoglitti, la spiaggia di Vittoria (Rg). Da qui due studiosi di storia della Sicilia antica, Gaetano Melfi e Giuseppe De Caro, partiranno con due loro amici, Claudio Lo Forte e Salvatore Schembari, per un viaggio a piedi di circa mille chilometri lungo un itinerario tracciato nel XII secolo dal geografo Al-Idrisi.

Le mappe di Idrisi, commissionate da Ruggero II re di Sicilia, disegnano un tracciato che è stato utilizzato per gli spostamenti interni dall’antichità fino all’Ottocento. Il percorso scelto dal gruppo di esploratori è in buona parte costiero. I quattro amici, sostenuti dalla Protezione civile di Vittoria, gireranno la Sicilia in senso antiorario. Toccheranno Portopalo e Pachino prima di risalire verso Noto, Siracusa, i paesi dell’Etna, Montalbano Elicona, Milazzo, Santo Stefano di Camastra, Cefalù, Termini Imerese, Palermo. Da qui muoveranno verso Trapani, faranno tappa nell’isola di Mozia e quindi ripercorreranno l’antica trasversale sicula all’inverso, per altri 480 km circa, con tappa finale la colonia greca di Camarina.

 “Con il nostro cammino – dicono Gaetano Melfi e Giuseppe De Caro – ripercorreremo a ritroso la storia raccontando ciò che di importante ci ha lasciato la dominazione araba e valorizzando l’immenso lavoro svolto dal cartografo Al-Idrisi. La sua opera è tra le più scrupolose e relativamente attendibili del Medioevo, forse la più compiuta”.

Articoli Consigliati

Top