Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Rigoli come Marino. Differenze più che analogie?

Rigoli come Marino. Differenze più che analogie?

CATANIA

Pino Rigoli come Pasquale Marino. L’ha detto Lo Monaco in questa settimana in cui il tecnico del Catania è stato messo sulla graticola (anche dai tifosi), dopo aver conquistato un solo punto nelle due gare casalinghe che dovevano rappresentare la svolta.

L’accostamento però non è un inedito. I più attenti ricorderanno che l’amministratore delegato l’ha usato anche al momento della scelta dell’allenatore ex Akragas. «E’ siciliano come Pasquale: una scelta intrigante» aveva detto  Lo Monaco. Per poi ripetersi essenzialmente in questi giorni: «L’allenatore non ha colpe. Vi ricordate come partì Marino nell’anno della promozione in A? Rigoli farà allo stesso modo: partenza difficile e poi grande cavalcata».

Una bella investitura e la caratteristica di Lo Monaco che emerge, come sempre. Lui è il parafulmine, lo è sempre stato: a difesa dell’azienda che, in questo caso, è rappresentata dall’allenatore. Un messaggio chiaro anche alla squadra. Ma torniamo ai protagonisti della storia: Pasquale (Marino) e Pino (Rigoli). In effetti, il compito affidato a Rigoli non è dei più semplici: penalizzato e costretto a risalire la classifica perché il Catania “deve” stare lassù.

Ci sono analogie? Difficile a dirsi. Di certo, allora (stagione 2005/6), la sconfitta che mise in dubbio la scelta della società arrivò a Mantova, 15 ottobre, 3-0 per i virigiliani. Da lì cambiò tutto. Modulo e risultati. Era la decima giornata. La speranza è che Rigoli cominci prima la corsa, anche perché con 7 punti in meno in classifica, non potrà permettersi di arrivare all’undicesima per decollare (a Marino, per l’esattezza, successe alla dodicesima: vittoria a Trieste). Prima del volo, qualche sprazzo allora però c’era stato: 4-1 all’Atalanta, 2-0 a Bari.

E poi, facendo le debite differenze fra la B di 10 anni fa e la Lega Pro attuale, questa squadra ha i numeri, e i giocatori, per comandare in campionato come fecero i rossazzurri di Marino? E’ la domanda. Forse la più importante.

Nel frattempo, oggi in conferenza stampa l’allenatore rossazzurro ha espresso chiaramente il suo pensiero: «Se ho dubbi di essere l’uomo giusto? Nella maniera più assoluta». Niente dubbi, solo scelte. Senza Bastrini e Fornito e con Parisi nuovamente disponibile, Rigoli si gioca tanto a Taranto. Lo Monaco fa il parafulmine, Marino è l’esempio da seguire. Rigoli, adesso tocca a te.

I CONVOCATI PER TARANTO

PORTIERI – 22 Matosevic, 12 Pisseri. DIFENSORI – 3 Bergamelli, 13 De Santis, 20 Djordjevic, 6 Gil, 15 Mbodj, 2 Nava, 28 Parisi. CENTROCAMPISTI – 27 Biagianti, 4 Bucolo, 24 Di Cecco, 23 Di Grazia, 5 Scoppa, 8 Silva. ATTACCANTI – 19 Anastasi, 11 Barisic, 7 Calil, 9 Paolucci, 14 Piscitella, 10 Russotto.

Articoli Consigliati

Top