Ti trovi qui
Home > Cronaca > Morta dopo parto a Messina, inchiesta della Procura: 13 medici indagati

Morta dopo parto a Messina, inchiesta della Procura: 13 medici indagati

MESSINA

Omicidio colposo. È questa l’accusa a carico di tredici  medici del reparto di Ostetricia e Ginecologia del Policlinico di Messina che sono indagati per la morte di Lavinia Marano, la 44enne che ha perso la vita lo scorso venerdì dopo aver messo al mondo un bimbo con parto cesareo. Il sostituto procuratore Rosanna Casabona cercherà di fare luce su una vicenda ancora avvolta nel mistero.

A finire sotto la lente di ingrandimento della procura è tutto il personale medico e sanitario del reparto dove la donna era stata ricoverata e dove giovedì pomeriggio aveva dato alla luce il piccolo Francesco che, fortunatamente, gode di ottima salute. Oltre ai medici che l’hanno assistita durante l’operazione sono indagati anche i ginecologi che hanno seguito la gravidanza nelle diverse fasi. Intanto slitta la data dell’autopsia che si svolgerà venerdì prossimo nella camera mortuaria del policlinico e sarà curata dal medico legale Antonio Chiarera.

I familiari della donna, che hanno immediatamente sporto denuncia ai carabinieri, cercano chiarezza e giustizia. Perché a Lavinia è stato consigliato un cesareo? Cosa ha portato all’emorragia? C’è stata qualche imperizia da parte dello staff medico? Tutti interrogativi a cui solo le indagini potranno dare risposta. L’unica cosa certa è che qualcosa è andato storto come troppo spesso accade nelle strutture sanitarie siciliane.

Articoli Consigliati

Top