Ti trovi qui
Home > Cronaca > Madre chiede aiuto ai carabinieri: «Mio figlio è pericoloso»

Madre chiede aiuto ai carabinieri: «Mio figlio è pericoloso»

AGRIGENTO

Ribera. I carabinieri della Tenenza di Ribera hanno eseguito un’ordinanza di collocamento cautelare nei confronti di un minore, pregiudicato e residente a Calamanoci.
La vicenda nasce dagli infiniti soprusi che la madre del giovane pregiudicato è costretta a subire: furto di soldi per comprare stupefacenti, condotte violente nei confronti della stessa e contro il nonno materno. La madre, disperata, si è rivolta ai carabinieri allorquando, nel mese di Luglio, il ragazzo decide di abbandonare le terapie presso il Sert di Ribera, diventando così sempre più violento e aggressivo.
I carabinieri, vedendo la madre presentandosi nei locali della Tenenza fisicamente provata ed emotivamente distrutta, hanno subito effettuato una serie di perquisizioni all’interno dell’abitazione del minore, accusato anche di esser violento con il fratellino minore.
La perquisizione ha avuto esito positivo, nei pantaloni del ragazzo infatti sono stati rinvenuti, all’interno di un sacchetto di cellophane quasi 50g di hashish, un coltellino serramanico utilizzato per dividere la sostanza, una collana con crocefisso pendente in oro, oggetto di furto alla madre. All’interno della stanza da letto del minore inoltre, è stato trovato un bilancino di precisione utilizzato per pesare la sostanza e 40 euro, probabilmente da poco rubati ai famigliari e che verosimilmente il giovane avrebbe utilizzato per rifornirsi della sostanza stupefacente.
Il G.I.P. del Tribunale per i minorenni di Palermo ha emesso, su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo l’ordinanza di collocamento cautelare in comunità. Proprio ieri i militari dell’Arma di Ribera hanno eseguito la stessa, accompagnando il giovane presso la comunità “Santa Maria della Strada” di Messina.

di Giuseppe Castaldo

Articoli Consigliati

Top