Ti trovi qui
Home > Cronaca > Catania, nuova protesta dei docenti Gae infanzia: bruciate le tessere Cgil

Catania, nuova protesta dei docenti Gae infanzia: bruciate le tessere Cgil

CATANIA

Non si placa la protesta dei docenti del comitato Gae infanzia che anche oggi sono scesi in piazza poiché rimasti fuori dalle graduatorie a esaurimento previste dalla Legge 107, meglio nota come “Buona scuola”.  Piano di assunzioni, quello che chiedono gli insegnanti che stanno combattendo una dura battaglia contro uno Stato che sembra averli dimenticati così come i sindacati che, a sentire i precari, non hanno mai mosso un dito per la tutela dei loro iscritti. Il corteo, partito da Piazza Università è arrivato fino alla sede dell’Ars di Catania. Ultima tappa la sede Cgil di via Crociferi dove i docenti hanno bruciato le proprie tessere d’iscrizione al sindacato.

Ed effettivamente se guardiamo al passato recente, più precisamente alla Festa dell’unità che si è tenuta a Catania, non si può non dar ragione ai precari in quanto ad una precisa domanda sui docenti Gae il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, rispose: «In pochi conoscono il Gae, fatemi pensare agli studenti che sono la cosa più importante».

Articoli Consigliati

Top