Ti trovi qui
Home > Cronaca > Pedonalizzazione via Dusmet, nuovo “no” dei commercianti

Pedonalizzazione via Dusmet, nuovo “no” dei commercianti

L’assessore D’Agata ribatte: “ Chiudere il centro storico migliorerebbe la qualità della vita in questa parte di Catania”. 

Catania. La pedonalizzazione di via Dusmet? Bocciata su tutta la linea. Più chiari di così non si può. E dopo l’incontro con la commissione al Commercio, le associazioni di categoria e gli addetti ai lavori lo ribadiscono al tavolo della commissione alla Viabilità di fronte all’assessore alle Manutenzioni di Catania Rosario D’Agata. Una riunione dai toni accessi dove il margine di dialogo e praticamente nullo. Lo mette subito in chiaro Nino Bonaccorso, presidente dell’associazione “mercato storico La Pescheria”: “ Siamo già in grosse difficoltà con la chiusura del Duomo. Adesso, con questa nuova proposta, si rischia l’isolamento totale. Oggi mancano i collegamenti e, con l’autobus, la clientela per raggiungere il centro cittadino dalle periferie ci impiega ore”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Roberto Tudisco, presidente della Fipet, mentre Enza Lombardo, presidente onorario della Confesercenti di Catania, sottolinea  lo stato confusionale da parte dell’amministrazione e la totale assenza un piano di rilancio effettivo del commercio cittadino. Francesco Sorbello della Confcommercio di Catania parla apertamente di operazione senza nessuna logica visto che la pedonalizzazione di via Dusmet avrebbe il solo effetto di dare il colpo di grazia a tanti imprenditori già duramente provati dalla scarsa clientela dovuta alla carenza nel trasporto pubblico. Di tutt’altro avviso, invece, l’assessore alle Manutenzioni Rosario D’Agata che sottolinea l’utilità di chiudere un tratto di via Dusmet al traffico per migliorare la qualità della vita e avvicinare i turisti al Duomo di Catania.“ Chiudendo questa zona la gente potrebbe posteggiare nel vicino parcheggio di piazza Borsellino- continua l’assessore- un vantaggio enorme per tutti i clienti della pescheria che non pagherebbero nulla per la prima mezz’ora”.

 

 

Articoli Consigliati

Top