Ti trovi qui
Home > Apertura > Vaccino meningite. Bimbo morto forse aveva anomalia cardiaca

Vaccino meningite. Bimbo morto forse aveva anomalia cardiaca

Disposta l’autopsia sul corpicino del piccolo di 18 mesi, morto 72 ore dopo aver fatto il vaccino anti meningite. Nelle prossime ore la conferma o la smentita, della correlazione tra la morte del piccolo e il farmaco. Ma si vocifera una malformazione di natura cardiaca. Non bisogna alimentare gli allarmismi

Palagonia (CT). Il medico legale Maria Francesca Berlich ha effettuato l’autopsia nel cimitero di Palagonia, del piccolo di 18 mesi morto aver fatto il vaccino antimeningococco (del tipo C) anti meningite. Nelle prossime ore si saprà se sussiste la correlazione tra la somministrazione del vaccino e l’aver assunto, per il rialzo di temperatura, la Tachipirina per far abbassare la febbre.
La Procura della Repubblica di Caltagirone ha aperto un’inchiesta dopo la morte del bimbo, avvenuta nelle prime ore di venerdì scorso e dopo la somministrazione del vaccino anti meningite.
Ma di mezzo c’è l’assunzione di una compressa di tachipirina.

Il legale della famiglia, avv. Enza Pirracchio, non ha dubbi: «In questo momento non ci sono elementi per arrivare a conclusioni sulle cause della morte. L’accertamento autoptico, nelle prossime ore, potrebbe confermare o smentire l’eventuale correlazione tra il farmaco utilizzato e i motivi del decesso».

Ma si vocifera che il bambino avesse una malformazione cardiaca. Potrebbe essere la causa del decesso.
Intanto è al lavoro un pool di investigatori del Nas di Caltagirone, coordinato dal Procuratore capo Giuseppe Verzera per accertare se la morte sia correlabile con la somministrazione del vaccino contro la meningite, o se una reazione immunitaria provocata dalla pasticca di tachipirina, abbia creato un cocktail mortale. O se coesiste la malformazione cardiaca che non ha retto alle troppe sollecitazioni.

Per non creare allarmismi, è bene precisare che il vaccino era conservato correttamente, (lo hanno accertato i Carabinieri del Nas). Ma intanto l’Asp di Catania, per precauzione, ha sospeso la somministrazione del lotto che conteneva la fiala iniettata.
È stata fatta la segnalazione al ministero della Sanità, aggiornata la scheda sulle eventuali reazioni avverse, ed attivato il sistema di farmacovigilanza.

Sull’effetto allarmismi e sull’importanza di sottoporsi al vaccino, il pres. dell’Ordine dei Medici di Catania, Massimo Buscema, parla molto chiaro «Senza vaccino, avremmo milioni di morti».

Articoli Consigliati

Top