Ti trovi qui
Home > Cronaca > QE’ venerdì il corteo dei dipendenti del call center

QE’ venerdì il corteo dei dipendenti del call center

Una lotta quella dei 600 dipendenti del call center di Paternò per non perdere il lavoro che ha coinvolto politici e sindacalisti. Nessuno vuole la chiusura del QE’

Paternò (Ct). Non si arrendono i lavoratori del call center QE’ di Paternò e così davanti alla crisi che da un momento all’altro potrebbe gettarli in pasto alle statistiche sulla disoccupazione i 600 lavoratori hanno deciso di fare sentire la loro voce. Hanno creato un gruppo Facebook per perorare la loro causa «SALVIAMO I LAVORATORI DEL CALL CENTER QE’» ed hanno raccolto già più di mille adesioni.

Hanno lanciato anche una campagna fotografica in cui dipendenti e simpatizzanti si fanno fotografare con un cartello in mano e l’hashtag #IOSONOQE’. Il call center lavora su commesse di grandi aziende italiane, tra cui Enel, Inps e Sky. 350 lavoratori a tempo indeterminato inbound e 250 a progetto rischiano di perdere lo stipendio che gli consente di sopravvivere in tempi in cui un posto di lavoro è un vero e proprio miraggio. La colpa della situazione del call center secondo Fistel e Cisl siciliane sono da addebitare agli imprenditori. Una cattiva gestione quindi, perché le commesse appunto non mancherebbero. Le sigle sindacali si sono attivate e hanno incontrato prefetto e sindaco per sbloccare il futuro incerto dei dipendenti. In agenda c’è stato anche un incontro con Transocom, azienda committente che  sembrava interessata ad acquisire QE’. L’obiettivo dei sindacati e dei lavoratori è il medesimo, ottenere il salvataggio dell’azienda e perché no, anche il rilancio. Un territorio già depresso  economicamente come quello di Paternò non può permettersi di abbandonare così 600 lavoratori e di conseguenza anche le 600 famiglie di questi ultimi.

call-center-ultima-tv
Alcune delle lavoratrici a rischio

A partecipare alla campagna, non solo politici e sindacalisti, c’è infatti anche un volto noto e amato della televisione siciliana come Salvo La Rosa. Insomma ci sono tutti a difendere il diritto al lavoro dei 600 del QE’. Proprio oggi inoltre i lavoratori hanno annunciato anche un corteo a Catania per venerdì alle 9.30 con partenza da piazza Roma, in cui ancora una volta cercheranno di far sentire la propria voce.

Innumerevoli le testimonianze e gli sfoghi dei dipendenti che scorrono continuamente sulla bacheca del gruppo Facebook, ne vogliamo segnalare ai lettori solo uno che ci sembra racchiudere lo stato d’animo di molti dei dipendenti: «La dignità dei lavoratori che hanno sempre dimostrato attaccamento verso la propria azienda non può essere sacrificata per i capricci e gli intrallazzi di un imprenditore poco serio e irresponsabile». Non c’è niente altro da aggiungere.

Articoli Consigliati

Top