Ti trovi qui
Home > Cronaca > Palermo capitale del rumore

Palermo capitale del rumore

Palermo è la capitale del rumore. Lo studio Amplifon arriva in occasione della Settimana europea di mobilità. La classifica delle città italiane 

Palermo. Si sa, il traffico dopo la mafia è uno dei maggiori problemi delle città siciliane e di Palermo in particolare. Il traffico genera stress e lo stress quando si è in fila in automobile e magari si ha fretta di raggiungere la fidanzata o il luogo di lavoro, genera le clacsonate, ma non quelle goliardiche di Gastone Moschin e compagnia nel film Amici Miei, ma quelle rabbiose che portano a pigiare insofferenti il pulsante al centro dello sterzo e catarticamente liberarsi dell’accumulo di nervosismo. Il rombo di un motore, le sirene di ambulanze e forze dell’ordine, le clacsonate come detto, sono questi gli elementi e i rumori che contribuiscono ad inquinare acusticamente le nostre città e a renderci insofferenti a ogni genere di suono.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità la soglia critica per evitare danni all’udito è fissata a 90 decibel. A Palermo questa soglia è superata e si arriva a picchi di 92,6 decibel, sopratutto in certe fasce orarie. Se siete a Palermo tra le 12.00 e le 14.00 vi conviene coprirvi le orecchie. Ma la media dell’inquinamento acustico è altrettanto preoccupante perché è fissata dallo studio Amplifon a 82,2 decibel. Nello studio si sono analizzate le strade di 20 centri urbani. Sul podio dopo Palermo, ci sono Firenze e Torino. Ma è tutta l’Italia a essere rumorosa, perché i valori rispetto alle altre nazioni europee sono troppo vicini alla soglia fissata dall’Oms.

I dati associati al rumore fanno davvero spavento, perché si calcola che nelle zone in cui il rumore del traffico supera i 60 decibel, c’è un aumento del 4% della mortalità, una maggiore probabilità di essere colpiti da ictus e anche un aumento del 5% dell’obesità.

«Le strade italiane, poi – secondo gli specialisti – arrivano spesso a superare anche gli 85 decibel e ciò è  preoccupante se si pensa che il rumore, anche a livelli inferiori, può interferire con la comunicazione verbale, quindi con la concentrazione, lo stato di stress, il rendimento scolastico e lavorativo, fino a diventare causa di incidenti. A questi effetti  – concludono – sono più esposti gli anziani, i bambini e chi già presenta disturbi di udito e comunicazione».

Ma sono tanti i disturbi che possono essere associati all’incessante rumore che percepiamo quotidianamente: insonnia, sonnolenza, preoccupazione, nervosismo, sbalzi d’umore, irritabilità, mal di testa sono i più comuni. Senza considerare che l’esposizione sonora, a partire da livelli di 75-85 decibel, può danneggiare l’organo sensoriale causando un deficit uditivo irreversibile. La lotta all’inquinamento acustico parte da una sensibilizzazione ai problemi dell’ambiente, per poter migliorare le condizioni di vita delle comunità.

Articoli Consigliati

Top