Ti trovi qui
Home > Cronaca > Vola la ruota e non l’aeroplano, Meridiana risarcisce

Vola la ruota e non l’aeroplano, Meridiana risarcisce

Trovato accordo fra i legali e la compagnia aerea Meridiana. Risarciti alcuni dei passeggeri che, a dicembre scorso, atterrarono in emergenza all’aeroporto Vincenzo Bellini di Catania a causa di un guasto tecnico: una ruota si era staccata dal carrello.

Catania. Dopo lo spavento arriva il risarcimento da migliaia di euro per dieci passeggeri di quel volo Meridiana . «Oggi siamo soddisfatti della cifra che la compagnia ci ha liquidato ma se ripenso ai momenti vissuti mi viene la pelle d’oca. Sono stati attimi di panico, ti passa davanti tutta la vita». A parlare è Antonio Piana, informatore medico catanese che il 17 dicembre scorso, insieme con altri 6 colleghi, è partito da Catania per raggiungere Milano Linate. Passati pochi istanti dal decollo ha sentito la voce del comandante che annunciava: «Signori e signori a causa di un guasto tecnico dobbiamo rientrare nell’aeroporto Vincenzo Bellini». Una ruota si era staccata dal carrello precipitando sul Viale Kennedy.

Ma su quel volo c’era anche un legale che ha fatto partire una class action che ha costretto la compagnia aerea Meridiana al risarcimento. Una transazione curata dagli avvocati Lisa Gallo, esperta in materia di responsabilità civile e risarcimento del danno, e Alessandro Foti, esperto in diritto dei trasporti. «L’accordo raggiunto ci lascia soddisfatti – affermano – Attraverso un’azione legale incisiva siamo riusciti a far valere le ragioni dei nostri assistiti già in fase stragiudiziale, evitando un contenzioso che sarebbe durato anni e che ci ha permesso di ottenere un congruo risarcimento per i disagi subiti, grazie anche all’atteggiamento collaborativo di Meridiana».

La compagnia aerea accettando l’accordo ha scongiurato l’ipotesi di finire in tribunale il 25 novembre prossimo. I passeggeri, infatti, se la transazione non fosse andata a buon fine erano decisi a costituirsi parte civile nel processo penale che sarebbe potuto scaturire a conclusione delle indagini preliminari della Procura di Catania.

Articoli Consigliati

Top