Ti trovi qui
Home > In Evidenza > «Bianco dimettiti» il grido dei 5 Stelle in piazza a Catania

«Bianco dimettiti» il grido dei 5 Stelle in piazza a Catania

Una festa quella del M5S in piazza Università a Catania che ha chiamato a raccolta militanti e simpatizzanti. La raccolta firme per chiedere le dimissioni del sindaco etneo ha raggiunto in poco tempo le 500 firme 

Catania. Tanti i catanesi che già dalle prime ore del pomeriggio di sabato scorso, nonostante l’umidità e il caldo hanno raggiunto piazza Università per partecipare alla manifestazione del M5S. Una folla composta da cittadini curiosi, attivisti, simpatizzanti e persone deluse dai partiti tradizionali.

Si sono informati attraverso le decine di gazebo tematici per comprendere meglio la proposta del reddito di cittadinanza, per conoscere il microcredito, per ragionare sulla riforma costituzionale e su temi di interesse sempre vivo in Sicilia come giustizia e antimafia.

Ma c’è un gazebo che ha riscosso più successo degli altri ed è quello in cui si raccoglievano le firme per chiedere le dimissioni del primo cittadino etneo. Infatti, appena sono stati presentati i moduli con la petizione popolare per sfiduciare il sindaco, si è formata una fila di catanesi pronti a firmare e nello spazio di qualche ora è stato raggiunto il tetto minimo per la presentazione della petizione al consiglio comunale della città.

Sabato sul palco si sono avvicendati per oltre cinque ore i big siciliani del M5S, da Mario Giarrusso a Nunzia Catalfo e Ornella Bertorotta e ancora Giulia Grillo, Gianina Ciancio, Angela Foti , Giancarlo Cancelleri, Ignazio Corrao.

Gradito dal popolo pentastellato anche l’intervento del presidente onorario della Suprema Corte di Cassazione Ferdinando Imposimato, che ha spiegato ai catanesi le ragioni del no al referendum costituzionale.

Infine ha parlato il duo composto dai parlamentari Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio che ha ovviamente entusiasmato i sostenitori dei 5 Stelle. I deputati hanno ringraziato la Sicilia per la spinta che ha sempre saputo dare al Movimento, «una regione da dove partono i cambiamenti» hanno tenuto a sottolineare.

Articoli Consigliati

Top