Ti trovi qui
Home > Politica > Raia (PD): il ministro Lorenzin ricatta la Sicilia

Raia (PD): il ministro Lorenzin ricatta la Sicilia

Mal di pancia dell’esponente del partito democratico sul modello sanità dell’assessore di Crocetta 

Palermo. Concetta Raia, ex sindacalista e deputata PD all’Ars stoppa sul nascere il modello Gucciardi per la Sanità siciliana: «A proposito di rete ospedaliera e di tagli ai piccoli ospedali, dico all’assessore Gucciardi che questa ipotesi o simulazione di riforma non può andare perché troppo penalizzante per la nostra regione e sopratutto per Catania e la sua provincia, bisogna fermare l’applicazione del decreto Lorenzin in Sicilia e aprire una vera battaglia a Roma». A spingere il deputato a intervenire nella vicenda è stato quanto dichiarato stamane in una nota del senatore Pino Firrarello, nota dice la Raia: «Che denuncia con forza l’ipotesi di chiusure di reparti e di piccoli ospedali». Al veleno il seguito: «Mi fa specie, però, che lo dica proprio Firrarello in quanto il suo ministro di riferimento, la Lorenzin, sta imponendo un nuovo modello di sanità nel Paese, chiudendo gli ospedali e facendo virare la sanità pubblica sempre più verso quella privata». Addirittura per la deputata è in atto un ricatto da parte del partito del senatore «se non si applica il decreto Lorenzin, non si sbloccano i concorsi in Sicilia». Inaccettabile il tutto, perché secondo la Raia in Sicilia: «I nostri ospedali hanno bisogno di assumere personale medico, infermieristico e altro ancora, e invece ancora prevalgono i ricatti». Infine è questa la domanda diretta al senatore: «È  disposto a fare la battaglia per fermare o modificare il decreto Lorenzin? È disposto a dire al ministero di far sbloccare per la Sicilia i concorsi per le emergenze e le urgenze visto che interi reparti stanno chiudendo compreso il Garibaldi Nesima? Nessuno nel PD siciliano secondo la Raia è disposto a far passare in silenzio un simile «massacro».

Articoli Consigliati

Top