Ti trovi qui
Home > Cronaca > I soldi della rapina alla posta di corso Sicilia negli slip

I soldi della rapina alla posta di corso Sicilia negli slip

Catania. Una rapina all’ufficio postale di corso Sicilia che frutta 280 euro di bottino, quella avvenuta ieri pomeriggio.

Il rapinatore è entrato all’ufficio postale, con indosso un giubbotto scuro e un cappellino rosso e proprio il cappellino potrebbe essergli stato fatale. Infatti ieri alle 16.15 quando la rapina era consumata da qualche secondo, la sala operativa della Questura dava comunicazione immediata al personale della Squadra mobile (sezione Contrasto al crimine diffuso) che intervenendo sul posto acquisiva le informazioni dai testimoni che descrivevano il rapinatore, un uomo di più o meno quaranta anni.

In sinergia con altre pattuglie Condor, la polizia, riusciva in pochissimo tempo a delimitare le possibili vie di fuga al bandito, bloccandolo così nella zona della fera o luni.

A questo punto, il rapinatore aveva già i minuti contati e difatti veniva individuato da alcuni agenti in un vicolo, nel tentativo di allungare il passo per scappare a piedi. Veniva così fermato dagli agenti e sottoposto a un controllo, in quanto pienamente corrispondente alle descrizioni dei testimoni della rapina.

Durante la perquisizione gli agenti, trovavano mazzi di banconote negli slip e così l’uomo non poteva fare altro che ammettere la responsabilità di quanto avvenuto poco prima. A incastrarlo anche le registrazioni del video di sorveglianza della posta. La somma rubata è così tornata in possesso del direttore della posta, riconsegnata dagli agenti.

Giovanni Ragusa
Giovanni Ragusa

L’uomo identificato e arrestato dalla polizia è Giovanni Ragusa (classe 1971), pregiudicato, che espletate le formalità di rito è stato associato alla casa circondariale di piazza Lanza.

Articoli Consigliati

Top