Ti trovi qui
Home > Lega PRO > Siracusa, ancora al palo. I tifosi ci credono

Siracusa, ancora al palo. I tifosi ci credono

Sconfitti in campo ma vittoriosi sugli spalti. Il Siracusa è tornato in Lega Pro dopo anni di limbo e, nonostante il giorno e l’orario, c’è il pubblico delle grandi occasioni al De Simone. Un esordio in casa sognato per tanto tempo con la tifoseria che si fa sentire per tutti i novanta minuti. L’obiettivo dichiarato dei ragazzi di Sottil è raggiungere una tranquilla salvezza e l’intera tifoseria è consapevole dell’importanza di ottenere almeno il primo punto in campionato contro la corazzata Foggia. Squadrone che, dopo la delusione dell’anno scorso, mira a raggiungere la serie B vincendo il campionato. I gruppi organizzati si stringono intorno ai propri beniamini e li incitano nonostante qualche errore di troppo da parte del difensore Diakitè oppure qualche passaggio sbagliato di Baiocco. A far sentire la propria voce c’è la “curva aggiunta” ovvero i tifosi che affollano i balconi che si affacciano sul De Simone. E non sono pochi. Il gol di Chiricò al 16’ del primo tempo non spegne la passione del pubblico che continua ad incitare i propri beniamini. La tensione del match si sente. Eccome. A margine della partita uno striscione, esposto dalla curva Sant’Anna, ricorda i ragazzi siracusani della formazione italiana che hanno vinto il campionato mondiale di Canoa Polo contro la Francia proprio qui a Siracusa. Finita la partita, nonostante la sconfitta, la formazione biancoazzurra va sotto la curva per salutare la tifoseria che la “accoglie” con un lungo applauso. Dopo due partite i “leoni” di Sottil sono ancora inchiodati in fondo alla classifica a zero punti ma il tempo per salvarsi c’è. A Siracusa ne sono convinti tutti. Ma bisogna darsi una mossa.

Articoli Consigliati

Top